Brescia unica provincia UE superspecializzata nell’industria con un valore industriale oltre i 10 miliardi di euro.

Lo studio congiunto di Fondazione Edison e Confindustria sulle province Ue a maggiore vocazione produttiva (Il Sole 24 Ore, Marco Fortis e Alexander Kockerbeck) vedi allegato, evidenzia come siano solamente 23 le province, prevalentemente italiane e tedesche, su oltre 1.300, che soddisfano i requisiti di valore aggiunto industriale superiore ai 3 miliari di euro.
Brescia si afferma come capitale dell’industrializzazione in Europa, in quanto unica provincia “europea” superspecializzata nell’industria ad avere raggiunto un valore industriale di oltre 10 miliardi di euro, precedendo importantissimi centri tedeschi quali Wolsburg, la mega provincia-città della Volkswagen.

All’interno dello studio Brescia detiene inoltre il primato per numero persone impiegate nel settore industriale (167.700 addetti), seguita da 7 province italiane, quali: Vicenza, Bergamo, Treviso, Modena, Monza e Brianza, Varese, Reggio Emilia. La prima provincia tedesca in graduatoria è Märkischer Kreis, al 9° posto (81.500).

Zoom rank - Statistica Fondazione Edison e Confindustria

Contesto italiano

Dallo studio emerge che la Lombardia domina con ben 5 province superspecializzate nell’industria: oltre a Brescia e Bergamo, troviamo Monza-Brianza, Varese e Mantova. Seguono il Veneto e l’Emilia-Romagna con due province a testa: rispettivamente, Vicenza e Treviso, Modena e Reggio Emilia.

La metalmeccanica è il settore trainante di queste nostre province industriali vincenti, unitamente ai settori dei beni per la persona e la casa, alla chimica e alla gomma-plastica.

Le 9 province industriali superspecializzate italiane presenti in graduatoria esprimono complessivamente un valore aggiunto industriale di oltre 65 miliardi di euro: come il valore aggiunto industriale di Finlandia, Portogallo, Lettonia ed Estonia messe insieme.

 

Visualizza il report statistico completo di Fondazione Edison e Confindustria: Brescia prima provincia d’Europa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consulta le altre News BIE 2015

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *